Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

Daniel Lopez sogna in grande!

images/medium/WhatsApp_Image_2019-09-25_at_09.38.16.jpeg

Tredici presenze al mondiale. Più di chiunque altro. Due finali e due semifinali mondiali perse all’ultimo tiro, campionati europei, italiani e tanto altro da quando ha messo piede in Italia dall’estate del 2005. Difficilmente nel panorama biliardistico italiano si trova un avversario così tanto “elegante” quanto temuto come Daniel Ricardo Lopez.

Un talento incredibile che nel corso della sua carriera avrebbe meritato di vincere molto di più; ma se c’è una cosa che Daniel ha sempre fatto, è stata quella di rialzarsi dalle sconfitte. Nel corso della stagione sportiva appena conclusa lo ha dimostrato ancora una volta; le conquiste sul campo hanno fatto sì che Daniel arrivasse di diritto al Mondiale in programma a Pistoia tra soli venti giorni.

Non c’è altro evento che accenda l’animo dei maghi dei 5 birilli e Daniel Lopez ci racconta come sta vivendo l’attesa del suo quattordicesimo mondiale. “Le vittorie ottenute a partire da gennaio mi hanno caricato molto – dichiara Lopez – L’esperienza a squadre, mi ha fatto vivere il biliardo in maniera diversa, ho contribuito alla vittoria di due titoli importanti, oltre a quello mondiale anche il titolo europeo, per me indossare ancora una volta il gilet azzurro è un onore”

“La storia del mondiale ci insegna che ogni singola partita è imprevedibile – continua Lopez - ho vinto contro grandi campioni e ho anche perso contro atleti emergenti, spesso l’esperienza non conta, ciò che conta è ogni singola partita, ogni singolo tiro, si può perdere o vincere con chiunque. Penso di poter dare tanto - conclude Daniel – ma c’è sempre quella parte di me che mi dice di non essere troppo sicuro di ottenere il successo, per questo motivo mi sto allenando senza fantasticare troppo. In Italia ci sono i giocatori più forti del mondo, penso e spero che il titolo resti qui, in Italia quella che io considero la mia Nazione”