Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

AL NUOVO CENTRO SERVIZI DI SCHIO IL PRIMO LABORATORIO DI BILIARDO

FABER BOX: IL BILIARDO VA AL CAMPUS
"PRIMO ACCHITO" E' IL PRIMO LABORATORIO DI BILIARDO

"Una struttura dove si costruisce la cultura" così lo definisce Mauro Lanza, coordinatore nazionale del Centro Studi e Tecnica della Federazione parlando di Faber Box il nuovo Centro inaugurato a Schio (VI) dove anche il biliardo è già protagonista..
Il Centro Servizi (cinque piani di circa 1000 metri quadrati ciascuno) sarà il punto di riferimento per svariati servizi per gli studenti tra cui una segreteria, sale studio, sala conferenze, sale multimediali oltre all'Informagiovani, a locali di ristoro e ricreativi. E non solo.
"La Sala Primo Acchito dedicata al biliardo ricopre la metà del secondo piano a sottolineare la rilevanza data al nostro sport quale strumento didattico - continua Lanza - Vedere oggi la presenza non solo delle istituzioni politiche e sportive, ma anche delle autorità, dell'AVIS e di diverse aziende locali, ha rimarcato l'importanza e la valenza di quel polo di ricerca".
L’edificio è ubicato in via Tito Livio all’interno dell’area dove sorgono gli istituti superiori del scledensi, che ospitano circa 5.000 studenti: il centro formazione professionale Don Bosco, Fav Diskos, l’istituto professionale statale Garbin, l’istituto tecnico economico e tecnologico Pasini, l’istituto tecnico tecnologico De Pretto, il liceo artistico e liceo scienze umane Martini, il liceo classico Zanella, il liceo scientifico Tron. Ed è proprio quest'ultimo il vero protagonista per il biliardo con l'adesione al progetto Biliardo&Scuola promosso dalla Federazione e approvato dal Ministero della Istruzione Università e Ricerca.
"Essere presenti qui, è far parte di un progetto globale dove studio, ricerca ed innovazione si amplificano intrecciandosi in campi diversi" spiega entusiasta Giorgio Pizzolato, insegnante di matematica e istruttore federale della Federazione Italiana Biliardo Sportivo nonché coordinatore del Progetto Biliardo & Scuola nel Veneto. "Questo centro non è un luogo dove convergono solo le scuole, ma anche le aziende del territorio che proprio qui sviluppano progetti con i giovani e start-up innovative. Il biliardo è qui visto e vissuto in una prospettiva diversa, a partire da questa sala dalle cui vetrate si ammirano le montagne, siamo al di fuori dalla classica luce delle sale ed il biliardo viene praticato in questa atmosfera di innovazione".
Sette i biliardi internazionali posizionati all'interno della sala che consentono la pratica della stecca (5 birilli e goriziana), della carambola e delle boccette, a cui seguirà l'installazione di almeno un altro biliardo per il pool.Ai tavoli si aggiungono anche una serie di attrezzature e supporti didattici (Kit Lim telecamera, laser, libri di testo e schede tecniche) per un apprendimento moderno orientato alle competenze. L'acquisto dei biliardi è stato finanziato da PON (Asse II - Fondo Europeo di Sviluppo Regionale). La sala sarà utilizzata nell'attività didattica curriculare del Liceo Sportivo Tron con il progetto  "Campus dello Sport, insieme". Ma anche questa area, così come l'intero Centro, non saranno esclusività degli studenti ma saranno usufruibili anche ad associazioni, aziende, ed esterni,  in orari quindi anche extra scolastici. 

Vivere lo sport del biliardo all'interno di un polo di ricerca e quindi al di fuori di un centro sportivo o di un istituto scolastico darà sicuramente ai più giovani (ma non solo) un'apertura mentale e sgombra da pregiudizi oltre ad una motivazione nuova per lo studio delle materie scientifiche. E dove lo studente diventa a tutti gli effetti un ricercatore: quando un allievo risolve una situazione problematica di schema complesso, nella geometria del biliardo, diventa protagonista perchè inventore o scopritore della soluzione. Un atleta dello sport del biliardo è un grande creativo come scrisse anche Albert Einstein, un atleta che riesce in una miscela di intuito e logica a concretizzare (sul tavolo) l'astratto (le leggi della fisica) per raggiungere il proprio obiettivo e vincere la partita.