Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

DAY 1 - 24th WORLD CHAMPIONSHIP 5 PINS - PISTOIA

images/medium/panoramica.jpg
Stecca

La prima giornata di gare di Pistoia2019 è andata in archivio da pochi minuti: sul parquet del PalaCarrara si sono disputati ben 64 incontri di cui sei derby Argentini e cinque Italiani.

Tantissime le persone che hanno assistito alla cerimonia di apertura, così come in numerosissimi sono giunti durante la mattinata ed il primo pomeriggio al PalaCarrara per lo svolgimento dei tabelloni.

I primi ad animare il palazzetto e a dare il via alla 24^ Edizione del Campionato del Mondo sono stati due amici prima che rivali: Andrea Quarta e Paolo Spadaro. Il Campione Europeo ha chiuso alla bella, conquistando la prima partita della giornata.

Giornata combattuta e sofferta per qualche big della stecca internazionale tra cui il Campione del Mondo in carica Alejandro Martinotti, il Vice campione Europeo Fioravante Vecchione e il primo classificato della Fibis Pro 2019 Daniel Ricardo Lopez che a inizio giornata faticano ad imporre il loro gioco.

Il primo round del Gruppo A se lo aggiudicano Paolo Marcolin che vince alla bella contro Santi Caratozzolo, l’argentino Augustin Mensio (3-1 contro Carlos Coria ARG), l’Uruguayano Alejandro Moran (3-1 contro Biagio Mangoni MEX) e il francese Xavier Guerin (3-1 contro Brice Briere LUX).

Nel Gruppo B Matteo Gualemi vince il derby contro Maurizio Girondino per 3-0, vincono alla bella l’argentino Oscar Barolo, il francese Maxime Jublot e il belga Peter Dabaes rispettivamente contro Luciano Ciccolella (CHE), Miguel Argemi (ESP) e Gonzalo Camio (BRA).

Nel gruppo C si fanno avanti Andrea Quarta, l’argentino Juan Demassi, l’uruguayano Eliomar Berrutti e il danese Erling Sjorup.

Nel gruppo D ben tre incontri finiscono 3-0: l’argentino Luis DaSilva contro il campione mondiale in carica Alejandro Martinotti, il tedesco Marco Berner contro l’ungherese Andràs Timar e il danese Kasper Kristoffersen contro il lussemburghese Gèrard Goedert. Alla bella, invece, finisce l’incontro tra l’uruguayano Juan Carlos Montes De Oca e l’italiano Rocco Summa a favore di quest’ultimo.

Nel gruppo E il derby argentino tra Marcelo Della Gaspera e Ricardo Dieguez finisce 3-1 a favore di Ricardo; l’italiano David Martinelli, il tedesco Max Gabel e il francesce Nicolas David non lasciano scampo ai loro avversari e chiudono 3-0.

Nel gruppo F è il Presidente della Federazione Argentina Gustavo Torregiani ad aggiudicarsi il derby contro Anibal Di Bella per 3-1; l’italiano giunto dalle selezione Thomas Primon vince alla bella contro lo svizzero Alessandro Sticco, il tedesco Salvatore Brancaccio e il sammarinese Maurizio Gobbi vincono 3-0 rispettivamente contro l’olandese Ernst Driessen e il ceco Vit Pechman.

Nel gruppo G è Giuseppe Abbruzzese, giunto dalle selezioni, a vincere il derby contro il campione Daniel Lopez per 3-1; l’uruguayano Diego Capote vince alla bella contro l’argentino Cesar Dottavo, il tedesco Toni Rosemberg vince 3-0 contro l’austriaco Franz Ruppert e il danese Rune Kampe vince 3-1 contro il ceco Vadav Dvoracek.

Nell’ultimo gruppo H ci sono ben due derby: quello argentino viene vinto da Walter Ingenieri 3-1 ai danni di Gustavo Longo e quello italiano da Ciro Davide Rizzo 3-2 ai danni di Fioravante Vecchione; sia l’uruguyano Fabian Riviero che il sammarinese Davide Della Balda vincono 3-0 rispettivamente contro l’olandese Ernest-Juan Driessen e il lussemburghese Giovanni Susca.

Nel primo pomeriggio sui tavoli blu del PalaCarrara è andato in scena il secondo round che ha regalato al pubblico presente non poche emozioni.

Nel gruppo A, l’italiano Paolo Marcolin conquista anche il secondo round chiudendo 3-0 contro il francese Xavier Guerin; stesso risultato per Carlos Coria, per Augustin Mensio  e per Santi Caratozzolo che vincono rispettivamente contro l’uruguayano Alejandro Moran, il messicano Biagio Mangoni e il lussemburghese Brice Briere.

Nel gruppo B nessuno ferma il francese Maxime Jublot e l‘italiano Matteo Gualemi che chiudono 3-0 rispettivamente contro lo svizzero Luciano Ciccolella e il brasiliano Gonzalo Camio; l’argentino Oscar Barolo conquista anche il secondo round, 3-0 contro lo spagnolo Miguel Argemi, l'italiano Maurizio Girondino chiude 3-1 con il belga Peter Debaes.

Nel gruppo C Andrea Quarta chiude ancora una volta alla bella, questa volta contro il danese Erling Sjorup, l’argentino Josè Oliva vince contro l’uruguayano 3-1; l’argentino Juan Demassi non concede nulla all’austriaco Martin Jodl e l'italiano Paolo Spadaro non delude le aspettative e chiude 3-0 contro il sammarese  Marino Gurdigli.

Nel gruppo D il campione del Mondo in carica l’argentino Alejandro Martinotti dimentica qanto accaduto nel primo round e chiude 3-0 contro il danese Kasper Kristoffersen; l’uruguayano Juan Carlos Montes De Oca vince 3-1 contro il tedesco Marco Berner, l’italiano Rocco Summa e l'argentino  Luis DaSilva chiudo entrami  3-0 rispettivamente contro l’ungherese Andràs Timar e il lussemburghese Gerard Goedert.

Nel gruppo E l’italiano David Martinelli e l’argentino Ricardo Dieguez chiudono con lo stesso risultato 3 set a 0 rispettivamente contro lo spagnolo Jose Ignacio Merino e il francese Nicolas David; il tedesco Max Gabe e l'argentino  Marcelo Dela Gaspera si affermano anche nel secondo round, rispettivamente contro lo svizzero Giuseppe Buttino e il ceco Jiri Pechman.

Nel gruppo F è ancora una volta il Presidente della Federazione Argentina Gustavo Torregiani ad affermarsi, chiude 3-0 contro il sammarinese Maurizio Gobbi, lo svizzero Alessandro Sticco dopo la sconfitta del primo round, vince 3-0 contro il tedesco Salvatore Brancaccio; l’italiano Thomas Primon e l'argentino Anibal Di Bella chiudono 3-0 rispettivamente contro l’olandese Ernst Driessen e il ceco Vit Pechman.

Nel gruppo G  non c’è storia per il tedesco Toni Rosenberg che chiude 3-1 contro l’uruguayano Diego Capote; l’italiano Daniel Lopez si lascia alle spalla la prima sconfitta e vince 3-2 contro il danese Rune Kampe, l'argentino Cesar Dottavio e l'italiano Giuseppe Abbruzzese vincono 3-0 rispettivamente contro l'austriaco Franz Rupper e il ceco Vadav Dvoracek.

Infine nel gruppo H l’italiano Ciro Davide Rizzo si riconferma e vince 3-0 contro l’uruguayano Fabian Riviero, l’argentino Gustavo Longo ribalta il risultato del primo round e vince 3-1 contro il sammarinese Davide Della Balda, vittoria netta per il “Professore” Fiore Vecchione che chiude 3-0 contro l’olandese Ernest-Juan Driessen e per l'argentino Walter Ingenieri che chiude con lo stesso risultato contro il lussemburghese Giovanni Susca.

Il primo giorno di Pistoia2019 va in archivio, ci si prepara per le gare di domani che vedranno come programma i roud tre, quattro e cinque degli 8 gironi