Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

Matteo Gualemi conquista la 4a prova Fibis Challenge di Brescia

Matteo Gualemi inquadra le geometrie e con secco 3-0 si aggiudica il Gran Premio Nazionale – 4^ prova Fibis Challenge nella finale contro Paolo Marcolin.Il fiorentino torna alla ribalta e, dopo i successi internazionali del 2019, a Brescia regala un gran biliardo di sponda e misure eccezionali, conquistando punti preziosi per la classifica generale.

Onore al secondo classificato, Paolo Marcolin, sempre tra i primi della classe e che solo in finale non riesce a chiudere con la vittoria la giornata conclusiva.

Al terzo posto due volti molto noti e due nomi che sono incisi nel biliardo internazionale , quello di Ciro Davide Rizzo fermato proprio da Marcolin - un dejà vu che li aveva visti avversari anche nella semifinale mondiale a Pistoia, ma dove questa volta è l'atleta di Sesto Calende a far scoppiare il castello e con un netto 3-0 ottenere la rivincita; e Michelangelo "Miking" Aniello fermato da Gualemi che con una splendida bricolla conquista i 10 punti che lo portano alla finale.

Anche questa prova, sui palchi del CSB Campomarte - la cui eccellenza è stata sottolineata anche dal consigliere comunale presente alle premiazioni Roberto Omodei - e della Billiard Academy Fillia di Puegnago sul Garda - altro esempio di organizzazione e professionalità che proprio nella giornata finale ha festeggiato il primo anno di vita e con entusiasmo si è messo a disposizione con l'obiettivo di creare sul Lago di Garda un punto fisso per i giovani - ha visto il delinearsi delle fasi finali con protagonisti inaspettati e che fino agli ottavi hanno dato filo da torcere ai big come i Nazionali Riccardo Nuovo che ai sedicesimi ha eliminato il campione europeo Andrea Quarta; Sebastiano Gargiulo che dopo aver battuto Thomas Primon, Andrea Ragonesi e Sandro Giachetti è stato fermato ai quarti da Aniello; Paolo di Giovanni unico atleta di prima categoria ad aver vinto otto incontri consecutivi che lo hanno portato alla fase finale dove ad attenderlo però c’era il Vice campione del mondo Santi Caratozzolo. Di Giovanni vince la sfida alla bella e accede agli ottavi di finale, dove viene fermato da Paolo Infortuna (Nazionali). 
Brescia resta al momento la prima prova con tutti e quattro i semifinalisti di categoria Nazionali Pro, un dato significativo che evidenzia la crescita del livello di gioco di vari giocatori difficili da "imbrigliare" nella categoria di appartenenza.