Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

header stecca

Stecca

B.T.F. 2014/2015, tutte a caccia di Paola Luzzi

images/media/media/news/656/master.jpg

L'intervista con la vincitrice delle prime due tappe della B.T.F. 2014/2015



Si è imposta nella prima tappa e ora anche nella seconda.
La B.T.F. 2014/2015 è sempre più sotto il segno di Paola Luzzi.

Ad Altavilla Vicentina la campionessa italiana del 2011 si è aggiudicata la finale contro Raffaella Uggè, proprio come successo nella prima tappa, consolidando così il primo posto in testa alla classifica generale.

E' stata una vittoria inaspettata – ha dichiarato la stessa giocatrice vicentina – non ero in un periodo in cui ambissi a fare risultati poiché non avevo giocato molto ultimamente. Mi ero allenata anche meno del solito per diversi motivi. E' stata per questo una bella soddisfazione essere riuscita comunque a vincere. Il doppio successo nelle prime due tappe mi permetterà ora di guardare ai prossimi appuntamenti con più tranquillità”.

E in finale come detto Paola Luzzi ha superato nuovamente Raffaella Uggè in una sorta di remake della prima tappa. “Con Raffaella Uggè ho un bellissimo rapporto – continua la Luzzi – siamo molto amiche e ci rispettiamo sempre quando ci troviamo di fronte. Era un sacco di tempo che non ci capitava di arrivare insieme in finale e quest'anno è successo già due volte. Giochiamo comunque sempre molto serenamente e questo è importante perché chiunque sia la vincitrice c'è sempre un rispetto reciproco”.

Archiviate le prime due tappe ora si pensa già alle prossime. Il 28 e 29 marzo infatti è in programma il terzo appuntamento con le B.T.F. “Adesso ci sarà un po' di tempo per preparare la prossima tappa – conclude Paola Luzzi – da qui a marzo possono cambiare tutti gli equilibri. L'obiettivo ovviamente è sempre quello di vincere e affronto per questo ogni partita con il giusto spirito. Nel nostro sport comunque la competitività è alta e ci sono molte variabili da tenere in conto, come la forma, lo stato d'animo o la stanchezza quando si arriva in fondo. Il fatto di aver vinto due prove quindi non mi mette automaticamente in una posizione di vantaggio. Nel tabellone infatti ci sono giocatrici molto valide e tutte possono vincere. Spero comunque di raccogliere un altro risultato positivo per continuare quanto fatto di buono fino a questo momento”.