Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

EUROPEAN SNOOKER CHAMPIONSHIP: Conclusa l'avventura azzurra

images/medium/Europei_Snooker.jpg
Pockets

Sono giunti al termine i Campionati Europei di Snooker ad Abufeira in Portogallo, nessuna medaglia per i nostri azzurri ma un’esperienza che vale un tesoro.

La competizione è entrata subito nel vivo con i giovani under 21. Tra i 78 partecipanti ad aggiudicarsi il titolo è stato il ventenne gallese Dylan Emery che ha vinto in finale contro il belga Julien Leclercq. L’Azzurrino Alberto Riva alla sua prima esperienza in campo internazionale è subito stato fermato alle qualificazioni rispettivamente contro dall’albanese Kledio KaÇi, dal nord irlandese Joel Connolly e dal polacco Felix Vidler.

La specialità 6 Reds incorona il venticinquenne estone Andres Petrov che ha sconfitto in finale il polacco Paweł Rogoza, 5-0 il risultato finale.

Gianluca Manoli e Pierfrancesco Garzia non accedono alla fase finale. Garzia subisce l’inglese Daniel Womersley 0-4; Manoli porta a casa una vittoria contro lo svedese Nils Ritenius Manjer (4-2) e una sconfitta contro l’irlandese Brendan O`Donoghue (4-2) che non gli consente il passaggio nei last 16.

Nella specialità MEN Gianluca Manoli, Valerio Grandi e Pierfrancesco Grazia riescono a difendersi egregiamente in tre diversi gironi molto complessi.  Gruppo B per Manoli che perde i primi due match rispettivamente contro l’irlandese Stephen Bateman (3-0) e il belga Kevin Hanssens (3-1); aggiudicandosi però l’ultimo ai danni del maltese Joseph Casha (3-2). Stesso finale per Valerio Grandi che nel Gruppo Q si aggiudica un solo match contro lo svizzero Alain Vergère (3-1) e perde contro l’ungherese Bulcsú Révész (3-1) e lo svedese Suleman Salam (3-0).

Garzia nel girone di qualificazione conquista due match rispettivamente contro il finlandese Antti Tolvanen (3-2) e contro il bielorusso Sergey Vasiliev (3-0) e viene confitto, invece, dall’irlandese Brendan O`Donoghue (3-2). Le due vittorie sono sufficienti per qualificarsi alla fase ad eliminazione diretta, dove però viene fermato dall’estone Andres Petrov, 4-1 il risultato finale.  Nella categoria MEN l’inglese Oliver Brown conquista l’oro ai danni del russo Ivan Kakovskii.

Per la categoria Seniors porta a casa il titolo il gallese Darren Morgan contro l’irlandese Frank Sarsfield.  Gli azzurri Gianluca Manoli e Leonardo Quimari nel girone di qualificazione chiudono in coda alla classifica con tre match persi. Manoli contro l’inglese Lee Roberts (3-0), il gallese Darren Morgan (3-1) e il francese Jeremy Dorchies (3-2) e Quimari contro l’inglese Wayne Brown (3-0), l’israeliano Yakov Shaashuashvili (3-1) e il maltese Philip Ciantar (3-0).

L’Europeo si è concluso con la competizione a squadre per le specialità Seniors e Men. L’oro per il Team Men è andato al Belgio che ha vinto in finale contro il Galles 5-2. L’Italia Team Men (Pierfrancesco Garzia e Leonardo Quimari) ha subito il Team Malta (5-0), il Team Israele (3-2) e il Team Francia (4-1). L’Irlanda, invece, si è aggiudicata il titolo Team Seniors ai danni del Team Malta, 5-3 il risultato finale. L’Italia Team Seniors è stata fermata dal Team Belgio (4-1), dal Team Nord Irlanda (3-2) e dal Team Svezia (4-1).

"La Nazionale torna con un bottino fatto di esperienza e comunque tanta soddisfazione anche stando giù dal podio - dichiara Merry Fontes Da Silva, Consigliere Federale - un plauso quindi agli azzurri capitanati da Mirko Siviero, membro della commissione tecnica snooker, perché la spedizione azzurra ha dimostrato di fare squadra e ha comunque avuto modo di confrontarsi con le realtà straniere al momento tecnicamente più preparate. Questa specialità riserva delle enormi potenzialità ed è in forte crescita nel nostro paese. La presenza in Portogallo - conclude - è stata anche un'ottima occasione per una attenta programmazione futura e per stringere importanti rapporti internazionali che potrebbero dare luogo ad una prossima collaborazione tra EBSA (European Billiards & Snooker Association) e la Federazione".