Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

header stecca

Stecca

Coupe d'Europe 5-Pins National Teams, i convocati

images/media/media/news/1006/master.jpg

Il C.T. Gibertoni ha diramato i nomi dei cinque atleti che prenderanno parte alla spedizione in Belgio

L'Italia è pronta a dare l'assalto alla Coupe d'Europe 5-Pins National Teams.
Dopo la vittoria dello scorso anno a Brandeburgo, la Nazionale Azzurra punta ad una nuova impresa anche a Herstal, in Belgio, dove dal 15 al 17 aprile 2016 si terrà la competizione europea.

Il commissario tecnico Stefano Gibertoni ha inoltrato alla CEB l'iscrizione del team che rappresenterà l'Italia. Nella rosa il giusto mix di esperienza e talento.
Fra i convocati c'è il Campione d'Europa in carica Michelangelo Aniello, vincitore già di due Europei a Squadre nel 2005 a Sotteville e nel 2013 a Brandeburgo.
Ritorno in Nazionale anche per Rossano Rossetti e Fioravante Vecchione, Campioni d'Europa a Squadre rispettivamente nel 2008 e nel 2010.
A completare il gruppo infine ci sono Stefano Freddi e Santi Caratozzolo, entrambi all'esordio nella manifestazione continentale.

Sarà dal talento di questi cinque atleti dunque che dipenderà il destino dell'Italia alla prossima Coupe d'Europe 5-Pins National Teams. Un palcoscenico nel quale gli azzurri hanno sempre mostrato grande tradizione, come confermano gli otto titoli già presenti in bacheca.

Queste a riguardo le parole del C.T. Stefano Gibertoni:

"Siamo pronti ad affrontare questa nuova sfida. Oltre al lato sportivo - che ci ha visto sempre primeggiare negli anni - mi piacerebbe che nella prossima competizione europea emergessero valori come la serietà, l'impegno e il rispetto per gli avversari. Dobbiamo essere un esempio sia con i risultati al tavolo, e sia con il nostro comportamento. Solo così lo stile italiano può risultare davvero vincente".