Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

header stecca

Stecca

Il guizzo del Campione: David Martinelli

images/media/media/news/1397/master.jpg

Dopo il podio agli ultimi Europei, Martinelli ha confermato il suo ottimo momento di forma vincendo a Sant'Antonino di Susa fra i Nazionali

L'ultima Prova B.T.P. di Sant'Antonino di Susa ha visto il ritorno ai massimi livelli di uno dei talenti più puri della tradizione italiana. Un Campione del Mondo che, dopo una serie di alti e bassi, sembra essere finalmente tornato ai fasti d'un tempo. Stiamo parlando di David Martinelli, medaglia di bronzo ai recenti Europei di Brandeburgo e, soprattutto, vincitore della Quinta Prova B.T.P. 2016/2017 nella categoria dei Nazionali.

"Sto attraversando un buon momento di forma – commenta proprio Martinelli – sinceramente spero che continui il più possibile ma, come si sa, nel biliardo tutto può cambiare da un momento all'altro. Lo testimonia il fatto che fino a dieci giorni fa per me era stata un'annata piuttosto deludente. Non ero riuscito a giocare come so e i risultati di conseguenza sono mancati. In questa prova invece tutto è andato nel migliore dei modi e la vittoria finale mi ha permesso di riscattare la stagione negativa anche in ottica classifica".

Per arrivare al trionfo Martinelli ha dovuto compiere un cammino ricco di insidie. Una costante ormai assodata in un torneo difficile come quello dei Nazionali.

"Non è mai facile vincere – continua Martinelli – Nei Nazionali devo dire che è ancora più arduo. Il tabellone può rivelarsi imprevedibile e si può perdere con chiunque. Anche questa volta è stato un torneo duro. La prima partita l'ho vinta contro Sicignano in maniera apparentemente facile. Poi è stato tutto in salita. Nella seconda con Alasso per esempio sono stato costretto ad una grande rimonta. Perdevo 2-1 e sono riuscito a ribaltarla vincendo all'ultimo tiro della bella. Sono partite che ti mettono a dura prova e che ti fanno avvertire la stanchezza anche in quelle successive. Quando incontri avversari come Montereali, Mannone e La Manna poi non è mai una passeggiata. Proprio con Mannone e La Manna sono state due autentiche battaglie che si sono decise al quinto set. Un vero spettacolo sia per noi e sia per il pubblico presente. Per quanto riguarda la finale invece ho incontrato un giocatore molto interessante come Achille Mignolo. Quando si arriva alla fine è sempre una storia a sé. Diventa quasi una lotta a chi riesce a nascondere meglio la stanchezza e la tensione. Perdere però non fa mai piacere a nessuno e quindi sono molto contento di averla chiusa in mio favore".

Il podio agli Europei e la vittoria nell'ultima Prova B.T.P. hanno rilanciato la stella di David Martinelli. Il suo futuro però è tutto ancora da scrivere.

"Come ho già detto, nel biliardo non si può mai prevedere nulla – conclude il Campione del Mondo 1998 – Vedremo cosa succederà. Adesso all'orizzonte ci sono le finali del Campionato Italiano e cercherò di dire la mia. Non voglio fare nessun tipo di previsione però. La speranza è solo quella di giocare ad un livello importante e divertirmi al tavolo. Tutto il resto si vedrà".