Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

header boccette

Boccette

Campionati Italiani a squadre 2^ Categoria

images/media/media/news/76/master.jpg

Gibo Roncofreddo sale sull’olimpo, storico titolo per il paese pioniere del biliardo romagnolo

A Santa Maria Codifiume (Ferrara) il Gibo Roncofreddo conquista il suo primo titolo tricolore di boccette a squadre sconfiggendo senza appello i milanesi del Novecento in una finale senza storia; il primo frazionista del Roncofreddo Gianluca Bianchini ha quasi doppiato Mario Resta (Mi) dando il cambio sul 60 a 34 alla coppia inossidabile composta da Andrea Amadori e Mirco Lessi che opposti a Diego Caminiti e Fiorenzo Concetti ha incrementato il vantaggio fino al 110 a 68 lanciando in ultima frazione Luca Franceschini che non ha avuto difficoltà a condurre in porto la vittoria contro Maurizio Fasolini e guadagnando ulteriore margine ha fissato il risultato finale sul 172 a 126. La conquista del piccolo paese montano richiama alla memoria l’origine del fenomeno biliardo in Romagna che circa quarant’anni fa ebbe come punto di riferimento proprio Roncofreddo che fu sede del comitato organizzativo presieduto dall’indimenticabile Mansueto Cammi per una decina d’anni. Il campionato ha visto in lizza ben 56 squadre : in semifinale il Gibo Roncofreddo aveva superato il Bar Plutone Rimini con questi parziali: Bianchini c. Bronzetti 69-27, Amadori e Lessi c. Lunedei e Lettoli112 – 66, L. Franceschini c. Semprini 170 -128 mentre nell’altra il Novecento Milano aveva prevalso sul Giovecca Lugo:Resta c Melandri 53 – 64, Concetti e Caminiti c. - Antonellini e Sgubbi 113 -100, Fasolini c Vassura 177 – 138.
Al quinto posto si sono piazzati il Settecrociari Cesena (Caminati, Balzani, C.Fabbri, Mazzesi), l’Arci Mandriole (Zanelli. Biondelli, Brusa , Beffa), i Fiori Faenza ( Gazzoni, Valzania, G. Fabbri, Babini, F.Monti) ed il Leon D’Oro Bologna (Finamore, Romualdi, Furlan, Bonora).

Il presidente regionale Emilia Romagna
Loris De Cesari