Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo
×

Attenzione

JFolder: :folder: Il percorso non è una cartella. Percorso: /var/www/html/fibis/images/media/media/comitati/stecca/fotogallery/205

header stecca

Stecca

DIARIO MONDIALI

images/media/media/news/887/master.jpg

Il racconto e le foto direttamente dal Campionato del Mondo 5 Birilli (in aggiornamento)

18 settembre 2015

Al via la 22a edizione dei Campionati del Mondo 5 Birilli.
Giovedì 17 settembre è iniziato il primo turno della fase di qualificazione open.

Impegnati al PalaCus Idroscalo 1115 giocatori che si contenderanno l'accesso alla fase ad eliminazione diretta.
Un programma di gara fitto, che si snoderà in due turni di gioco fra mattina e pomeriggio sui 24 biliardi allestiti per l'evento.
Le qualifiche proseguiranno fino al 23 settembre, giorno in cui emergeranno gli ultimi 8 partecipanti al tabellone principale.

I primi due giorni di competizione hanno riservato subito grandi emozioni, con gli atleti impegnati in gare di ottimo livello.
Positivo anche l'impatto con la formula di qualificazione open, che ha proposto per la prima volta il confronto fra giocatori appartenenti a categorie diverse.
Un'innovazione che ha mantenuto le aspettative della vigilia, generando anche tanta curiosità fra il folto pubblico presente sulle tribune.


20 settembre 2015

Continuano senza sosta le qualificazioni open in svolgimento al PalaCus.
Le sorprese fin qui non sono mancate, con diverse eliminazioni eccellenti. Un dato che conferma la competitività elevata in questa fase.

Un livello di gioco alto, garantito anche dalla qualità eccelsa dei ventiquattro biliardi allestiti per l'occasione nella struttura.
Un lavoro avveniristico, che necessita di essere approfondito ascoltando direttamente le sensazioni di Maurizio Landolfo, curatore responsabile degli impianti di gioco insieme a Claudio Ballabio.

"Faccio questo lavoro da oltre quarant'anni – commenta Landolfo – Mio padre costruiva biliardi e così la mia introduzione nell'azienda di famiglia è stata naturale già da quando ero un bambino. La nostra è una vera e propria dinastia di biliardieri, proseguita negli anni fino ai giorni nostri dove a gestire l'azienda ci siamo io, i miei figli e alcuni miei nipoti.
Questo Mondiale è per noi una vera e propria consacrazione a livello internazionale. E' davvero una grande occasione e sono felice che la F.I.Bi.S. abbia creduto nel nostro lavoro.
La collaborazione con l'altro curatore Ballabio e la stessa Federazione è stata praticamente perfetta. Non abbiamo avuto nessun tipo di problema e, cosa molto importante, è arrivato anche il consenso dei giocatori, i quali hanno gradito i biliardi.

Per noi è un riconoscimento molto importante, che ci ripaga del lavoro certosino che svolgiamo. Per garantire l'alta qualità richiesta a questi livelli infatti tutto deve essere predisposto in maniera ottimale. L'allestimento in un tempio dello sport come il PalaCus è stato curato in ogni minimo dettaglio. Anche dopo il montaggio i biliardi hanno bisogno di assistenza tecnica. Ogni mattina, prima delle gare, vengono per questo puliti, riguardati e livellati.
In un gioco come il biliardo dove anche i millimetri sono importanti, c'è bisogno di questo tipo di attenzioni".

Approfondito il discorso tecnico possiamo concentrarci ora anche sulla sfera sentimentale del gioco. In questa fase di qualificazione open c'è spazio infatti per storie che consentono di apprezzare ancora di più il valore di questo sport.
Una di queste è quella che riguarda la presenza di Nestor Gomez e Camilo Gomez, gli ultimi campioni di coppia italiani.

Un padre già due volte campione del mondo e un figlio in prepotente ascesa: il connubio perfetto che rispecchia a pieno lo spirito di questi mondiali.

Ecco a riguardo le impressioni di Camilo Gomez alla vigilia del suo esordio assoluto nella competizione:

"Ci sono tante emozioni nuove perché per me è il primo mondiale – commenta Gomez - Gli iscritti a questa fase di qualificazione open sono tanti, sarà un'impresa davvero dura. Tuttavia nell'ultimo mese mi sono allenato in maniera ottimale per questo evento e spero di poter dire la mia.
Di solito non guardo la batteria nella quale sono inserito, questo infatti è un gioco in cui bisogna rispettare tutti, a prescindere dalla categoria. Siamo pur sempre ad un mondiale, se non si compete con la giusta cattiveria agonistica non si va avanti"
.

Una mentalità, quella di Camilo, ereditata ovviamente dal padre Nestor. Un paragone che inorgoglisce il più giovane dei Gomez.

"Giocando a biliardo e avendo un padre come il mio, che ha vinto così tanto, sono abituato a questo paragone - commenta ancora Camilo - Io lo vivo benissimo. Non penso che si debba soffrire una presenza che dall'esterno può sembrare così ingombrante. E' mio padre, vivo con lui, giriamo insieme tutta l'Italia e il nostro rapporto è fantastico. Mi ha insegnato tutto quello che sapeva, non solo dal punto di vista sportivo. Inutile dire che per me è una figura fondamentale. In questo mondiale c'è anche curiosamente l'opportunità di giocare contro. Ci siamo andati già vicini in passato, ma per il momento non ci penso. Il mio obiettivo infatti è crescere ancora come giocatore e vincere più partite possibili. Questo mondiale è un'ulteriore tappa per acquisire esperienza anche per il futuro".


21 settembre 2015

Comincia a delinearsi il tabellone finale di qualificazione.

Per prendere visione del progressivo avanzamento della competizione potete cliccare QUI

Intanto ci sono da registrare le prime impressioni sul mondiale arrivate direttamente dalla UMB.
Questo quanto dichiarato dal delegato Torsten Danielsson sul sito ufficiale dell'organizzazione mondiale di biliardo:

"Questo evento segna l'inizio di una nuova era per il biliardo internazionale. I migliori giocatori del mondo di 5 birilli competono con altri 1115 aspiranti per raggiungere il titolo di Campione del Mondo. E' una vera e propria innovazione.
Va ricordato che questo evento non è solo incentrato sulla specialità 5 birilli, ma è anche e soprattutto una festa del biliardo, dove sono in programma competizioni che riguardano anche la Carambola, il Pool, lo Snooker e le Boccette.
Sono sinceramente impressionato dall'organizzazione della F.I.Bi.S.
Il presidente Andrea Mancino e il rappresentante CEB Gabrio Volante stanno svolgendo un ottimo lavoro, insieme ovviamente a tutte le persone che stanno lavorando per rendere questo mondiale una manifestazione indimenticabile".



22 settembre 2015

Dopo sfide al cardiopalma è stato definito il tabellone finale di qualificazione.
In queste sei partite si deciderà l'accesso alla fase a 64 giocatori:

Marcolin-Farfariello
Vanvesterhout-Gargiulo
Cavalletto-Caratozzolo
Chiodetto-Corrada
Paoloni-Moscatelli
Zanotti-Lincetti

Sei di questi atleti andranno a fare compagnia agli altri qualificati alla fase a eliminazione diretta nella quale figurano fra gli altri Silvano Cicuti, Arturo Albrito, Fioravante Vecchione, Salvatore Riondino, Rossano Rossetti, Stefano Freddi, Matteo Gualemi, Thomas Primon, Gianluca Nascimbene, Riccardo Belluta, Camilo Gomez, David Martinelli, Stefano Della Torre, Auro Bulbarelli, Vincenzo Consagno e Sandro Giachetti.



23 settembre 2015


Oggi è stata scritta una nuova pagina di sport ai Mondiali di Biliardo in svolgimento a Milano.
Dopo sette giorni di competizioni sono emersi gli otto qualificati alla fase finale, che raggiungono quindi i 40 atleti già qualificati di diritto.

Una selezione durissima, che ha visto ai nastri di partenza ben 1115 iscritti.

A spuntarla su tutti gli altri aspiranti sono stati: Paolo Marcolin, Simone Spagna, Fioravante Vecchione, Gaetano Romeo, Matteo Gualemi, Riccardo Belluta, Sandro Giachetti e l'argentino Nicolas Fillia.

Da brividi le finali che hanno deciso l'accesso al tabellone principale.
Molto combattute in tal senso le sfide Marcolin-Cicuti, Romeo-Zanotti e Giachetti-Paolino, tutte finite 3-2.

Sugli scudi invece Riccardo Belluta e Matteo Gualemi, autori entrambi di un torneo fin qui praticamente perfetto.

(Clicca QUI per il tabellone completo della fase finale di qualificazione)

Subito dopo la fine delle qualificazioni open si è svolto il sorteggio per la fase finale.

Questi i gironi:


Vi ricordiamo che è possibile consultare tutti i risultati delle batterie cliccando QUI



24 settembre 2015

E' ufficialmente iniziata la fase finale del Mondiale.

48 atleti qualificati, appartenenti a 13 Nazioni differenti.
Un mix di talento, esperienza e spregiudicatezza che rappresenta a pieno merito il meglio del biliardo internazionale.

Oggi si è potuto avere già un assaggio di tutto questo.
Dopo la cerimonia di apertura dei giochi infatti è iniziata la fase a gironi che ha visto scendere in campo tutti i big.

QUI i risultati.

Parallelamente alle imprese sportive, continuano intanto anche i consensi in merito alla macchina organizzativa messa in scena dalla F.I.Bi.S. per questi mondiali.
Dopo il riconoscimento del delegato della UMB Torsten Danielsson è arrivato anche quello di Oreste Perri, Presidente del CONI Lombardia.
Queste le sue dichiarazioni:

"In questi giorni a Milano stiamo vivendo sicuramente una grandissima manifestazione sportiva.
Sono rimasto seriamente impressionato dalla meticolosità della F.I.Bi.S. in ogni aspetto organizzativo.

Non era sicuramente facile riuscire ad allestire un impianto di gioco così maestoso. Eppure la scommessa è risultata vincente grazie ad una cura nei particolari davvero importante. Basti pensare per esempio al numero dei tavoli da biliardo presenti nel palazzetto e a tutte le attrezzature annesse. Uno sforzo organizzativo notevole che è stato pienamente ripagato sul campo con dei risultati che sono visibili a tutti.
La F.I.Bi.S. come Federazione è cresciuta tantissimo e possiede delle potenzialità importanti sia a livello sportivo e sia a livello dirigenziale. Questo mondiale è una vera e propria consacrazione.
Il mio augurio è che si possa continuare su questa strada per il bene della stessa F.I.Bi.S. e per tutto il movimento delle Federazioni che ruota intorno al CONI".



25 settembre 2015

Dopo una fase a gironi molto combattuta, si è delineato il tabellone dei 32 qualificati ai match ad eliminazione diretta.
Tanti gli atleti che si sono messi positivamente in mostra fin qui.

Il Gruppo A è stato vinto da un Daniel Lopez molto ispirato e che si candida inevitabilmente ad un ruolo da protagonista per il prosieguo della competizione.
Alle sue spalle Matteo Gualemi, talento emergente arrivato dalle qualificazioni open.

Nel Gruppo B a dominare è stato l'argentino Alejandro Martinotti, il quale è riuscito a battere la concorrenza di Riccardo Belluta e dell'uruguainao Ruben Dos Reis.

Grande spettacolo anche nel Gruppo C dove a chiudere in testa è stato il campione d'Europa in carica Michelangelo Aniello.
Secondo posto per l'argentino Gustavo Longo. Terza piazza invece per Antonio La Manna.

Nel Gruppo D continua il sogno di Gaetano Romeo che, dopo aver guadagnato l'accesso alla fase a gironi grazie alle qualificazioni open, è riuscito a chiudere in testa davanti a Crocefisso Maggio. Terzo posto per l'atleta di San Marino Davide Della Balda.

Nel Gruppo E, testa a testa fra Sandro Giachetti e Fioravante Vecchione. A spuntarla alla fine è stato il primo, ma entrambi hanno dimostrato una grandissima solidità che li pone nelle gerarchie come due fra i giocatori più temibili di questo torneo.

Nel Gruppo F a spiccare sono state le qualità dell'argentino Walter Ingegnieri, primo in solitaria grazie ad una serie di prestazioni molto convincenti. Secondo posto per Simone Spagna. Terzo posto invece per l'uruguaiano Josè Rodriguez.

Il Gruppo G ha rispecchiato le aspettative della vigilia in termini di equilibrio e spettacolarità. Un vero e proprio girone di ferro nel quale ad emergere è stato Andrea Quarta. Dietro di lui il tedesco Gerd Kunz e il campione del mondo in carica Gustavo Torregiani.

Nel Gruppo H infine troviamo Paolo Marcolin, uno dei grandi protagonisti di questo mondiale. Partito dalle qualifiche, è riuscito a sbaragliare la concorenza degli altri giocatori anche nella fase a gironi piazzandosi davanti all'argentino Marcello Della Gaspera e all'uruguaiano Ruben Riviero.

QUI
tutti i risultati dei gironi

QUI
invece gli accoppiamenti per la fase ad eliminazione diretta



26 settembre 2015

Grande giornata di sport a Palazzo Lombardia.

All'interno dell'Auditorium Testori i big della stecca impegnati nella lotta per la conquista del Mondiale.
Fuori il biliardo spiegato a grandi e piccoli.

Presente per l'occasione anche l'Assessore allo Sport della Regione Lombardia Antonio Rossi, il quale ha deliziato i presenti con tiri di esibizione.




A contribuire ulteriormente allo spettacolo ci hanno pensato ovviamente gli atleti impegnati negli ultimi atti del mondiale.

Sfide pazzesche già nei sedicesimi di finale con tanto di eliminazioni eccellenti.
Una di queste è quella del campione d'Italia in carica Crocefisso Maggio, battuto 4-2 da Andrea Quarta in una sorta di rivincita dopo la semifinale di Saint Vincent dello scorso giugno.

Saluta la competizione anche l'ultimo campione del mondo Gustavo Torregiani, il quale ha avuto la peggio nella sfida fratricida con il connazionale Alejandro Ernesto Martinotti.

Partita mozzafiato poi fra Riccardo Belluta e Daniel Lopez. A vincere e a conquistare l'accesso agli ottavi di finale è stato l'italo-argentino con un 4-3 da urlo.

Il cammino di Lopez però si è arrestato ai quarti di finale davanti ad uno straripante Matteo Gualemi. Il giovane toscano arrivato dalle qualifiche sta stupendo tutti con un gioco che rappresenta il giusto mix fra lo stile del passato e quello del presente. Il 4-2 con il quale si è imposto contro il più esperto avversario gli è valso l'approdo in semifinale dove ad attenderlo ci sarà Andrea Quarta, vittorioso con il medesimo risultato contro l'argentino Nicolas Fillia.

Sarà un podio tutto italiano dunque, dopo Gualemi e Quarta si sono qualificati per le semifinali anche Michelangelo Aniello e Sandro Giachetti.
Aniello è stato protagonista di una grande rimonta contro l'argentino Gustavo Longo dopo essere andato sotto di due set.
Il campione d'Europa in carica però ha saputo prima pareggiare la contesa e poi imporsi con un convincente 4-2 contro l'attuale campione del Sud America.

4-2 da applausi anche per Sandro Giachetti contro il dominatore della fase a gironi Alejandro Ernesto Martinotti.
Un match nel quale si sono viste tutte le qualità di Giachetti, ancora in corsa per il sogno mondiale dopo esser partito dalle qualificazioni open.

Questo dunque lo scenario per le semifinali:

Giachetti-Aniello
Quarta-Gualemi

QUI
il tabellone completo con tutti i risultati nel dettaglio




27 settembre 2015

Clicca QUI per leggere il racconto dell'ultimo giorno del Mondiale con lo spettacolare trionfo di Matteo Gualemi




Foto a cura di Franz Gagliardi