Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo
×

Attenzione

JFolder: :folder: Il percorso non è una cartella. Percorso: /var/www/html/fibis/images/media/media/comitati/stecca/fotogallery/190

header stecca

Stecca

4ª Prova B.T.F. 2014-2015, Marino soprende tutti

images/media/media/news/754/master.jpg

Le parole della vincitrice dell'ultima tappa svoltasi al CSB Campomarte di Brescia


In finale vince FRANCESCA MARINO su RAFFAELLA UGGE' 3 a 1
A seguire Angela Giliberti e Cristina Fiori
RISULTATI DI SABATO E DOMENICA IN ALLEGATO >

Francesca Marino ha interrotto il dominio dettato da Paola Luzzi nelle prime tre tappe della B.T.F. conquistando la 4ª prova al CSB Campomarte di Brescia.

Un successo inaspettato, ma forse per questo ancora più esaltante come conferma proprio la vincitrice:

“Non mi aspettavo nessuna vittoria e non solo per i fallimenti precedenti, ma perché proprio l'aspettarmi qualcosa è uno dei motivi di tali fallimenti.
Mi spiego meglio: negli anni passati ho quasi sempre ottenuto buoni risultati in campionato, vincendo alcune prove e realizzando buoni piazzamenti. Questa fiducia, unitamente ad un graduale miglioramento del livello di gioco hanno generato una sorta di ansia da prestazione che ha aumentato la pressione psicologica rendendo molto complessa la gestione della competizione. I conseguenti insuccessi non hanno fatto altro che farmi perdere fiducia ed entusiasmo oltre che un paio di finali di campionato. Sono trascorse poi due stagioni opache, sofferte, in cui non riuscivo a superare il secondo turno”.


Come spesso accade però i successi arrivano quando non si cercano con forza. A volte infatti staccare la spina per ritrovare se stessi è fondamentale tanto quanto allenarsi.

“Ho cercato di allenarmi nel poco tempo libero fino a due giorni prima della gara durante i quali non ho giocato – ha commentato ancora la Marino - mi sono riposata e circondata della compagnia di persone che amo.
Più precisamente, per superare questa immensa frustrazione ho letto molto, indagato, cercato dentro e fuori di me una soluzione, una chiave per comprendere in quale direzione andare prima di decidere di smetterla di torturarmi e darmi all'ippica! Ho la fortuna di conoscere persone bellissime e ognuna di loro mi ha dato qualcosa, ma la voglia di rimettermi in gioco la devo a una in particolare: Piero Pollastri che mi ha fatto il grande regalo di trasmettermi la sua filosofia di vita e la sua esperienza. Sotto la sua guida ho rivoluzionato la mia impostazione, sto imparando a conoscere e utilizzare le potenzialità di tutta la stecca e soprattutto a modificare l'approccio al gioco, alla partita, ponendo al centro della mia attenzione l'armonia necessaria all'esecuzione di un buon tiro: questo è il vero obiettivo. Così facendo, tiro dopo tiro, può capitare di vincere una partita e poi un'altra e un'altra ancora, e magari anche una tappa di campionato. Per questo non mi sorprendo dello splendido risultato, possibile naturale conseguenza, ma di essere riuscita a non pensare di voler vincere
”.

Una filosofia che alla fine è risultata vincente, nonostante il successo della Marino sia partito da lontano, da una quattordicesima posizione in griglia che alla vigilia appariva una montagna difficile da scalare soprattutto per il livello delle avversarie da affrontare.

Partiamo dal presupposto che si può perdere o vincere con chiunque e, senza mancare di rispetto all'aspirante Fingi, sono stati tutti incontri impegnativi. Agostini, Giannelli, Fiori, Uggè sono atlete tra le migliori del nostro circuito e per motivi diversi hanno messo a dura prova la mia nuova natura".

Nonostante questo comunque Francesca Marino è riuscita a superare tutti gli ostacoli e a centrare così una straordinaria qualificazione per Saint Vincent.


“Ho partecipato a quest'ultima prova senza nessuna speranza di entrare tra le otto finaliste – conclude la Marino – Dopo gli ottavi raggiunti sabato sera, la capolista Paola Luzzi mi aveva confermato che un'eventuale vittoria della tappa mi avrebbe garantito l'accesso alla poule finale. Quale pericolosa insidia abbia rappresentato questa "buona notizia" è facile immaginarlo, soprattutto per me. Ecco, continuare il mio percorso non pensandoci è stato proprio il match più difficile! Per il resto vado avanti così e ci vediamo il 22 giugno!”.

CLASSIFICA FEMMINILE BTF GRIGLIA DOMENICA 17 GRIGLIA SABATO 16 TURNO 2GRIGLIA SABATO 16 TURNO 3