Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

header stecca

Stecca

Saint Vincent entra nel vivo

Assegnati i primi titoli. Da domani via alla maratona su Raisport2



Inizio con il botto ai campionati italiani di Saint Vincent  iniziati la scorsa settimana nella splendida location del Centro Congressi Billia e al Casino de la Vallèe. Le prime giornate hanno visto impegnate la prima e la terza categoria oltre a quella femminile e  juniores. Assegnati  quindi  i primi titoli.

Mauro Fasoli si aggiudica il titolo di prima categoria battendo 2-0 Gianluca Porta. L’”alter ego” in terza categoria è Vincenzo Ambrosio che ha la meglio su Francesco Provenzano (1-0).
Per il femminile Claudia Lancia è la nuova campionessa italiana dopo aver chiuso 2-0 contro Elisa Martinelli.

Tanti i ragazzi presenti tra gli juniores che hanno dimostrato l’alto livello giovanile in questa disciplina sportiva non solo nella pratica sul tavolo, ma anche per fair play e correttezza di gioco. Da segnalare i fratelli Forino, Domenico e Giovanni che hanno “rischiato” di ritrovarsi in finale uno contro l’altro. Purtroppo Domenico è stato battuto da Paolo Sorrentino che, con un sofferto 3-2, giocherà per il titolo contro Giovanni.

A latere della cronaca agonistica due le curiosità di questa edizione, se vogliamo nuova, dei campionati italiani.
Innanzitutto la location. Un successo tra i giocatori che hanno apprezzato il Centro Congressi e il Casino de la Vallée che, pur non essendo in completo isolamento (solitamente il gioco del biliardo richiede silenzio assoluto), offre la giusta insonorizzazione rendendo questo primo esperimento di gioco della stecca in ambiente diverso da quello usuale un successo.

L’altra novità riguarda il segnatempo: un dispositivo elettronico conta secondi, per monitorare il tempo di esecuzione del tiro dei giocatori, da regolamento di 40 secondi oltre i quali cominciano poi le penalizzazioni. In questo modo i tempi di gioco (prima a discrezione dell’arbitro) oltre ad essere definiti (e non più a lungo termine) garantiscono  eguaglianza sportiva per tutti.