Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

header pockets

Pockets

Campionati Europei, poche gioie per l'Italia

images/media/media/news/1060/master.jpg

Tutto quello che è successo alla manifestazione continentale svoltasi dal 2 al 12 Aprile in Austria

I Campionati Europei 2016 si sono chiusi all'insegna delle nuove leve.
Sono stati infatti il giovane spagnolo Sanchez Ruiz, per gli uomini, e la giovane Kamila Khodjaeva, per le donne, a portarsi a casa le ultime medaglie d'oro disponibili, quelle del palla 9.

Come sempre, al termine di una grande competizione come lo sono i Campionati Europei di Pool, è tempo di rivedere ed analizzare con senso critico quanto fatto. I nostri giocatori non sono riusciti ad esprimere al meglio il proprio gioco e, a parte singoli episodi in cui si è visto un buon biliardo, tutto l’Europeo si è svolto in affanno. Nonostante siano rientrati più volte nell’ultima fase ad eliminazione diretta gli Azzurri non sono riusciti a dare quel colpo finale che avrebbe potuto portare alcuni di loro sul podio. Del resto la tenuta mentale e fisica in competizioni così lunghe risulta sempre impegnativa e forse è proprio su questo aspetto, più che sulla tecnica, che si può e deve migliorare. Più di una volta, infatti, i nostri hanno incontrato e superato giocatori che poi hanno raggiunto ottimi piazzamenti, a conferma che il livello tecnico c’è.

La grande sorpresa di questo Europeo è senza dubbio l’inaspettato fallimento della spedizione olandese, a dimostrazione che per vincere in competizioni del genere non è detto che sia sufficiente la presenza di atleti di livello assoluto come Niels Feijen e Nick van den Berg. Agli olandesi, comunque sempre presenti nelle fasi eliminatorie, è mancato l’affondo finale; una lacuna che ha portato una delle squadre favorite dell’Europeo a tornare a casa con una sola medaglia.

La determinazione non è mancata invece all’Austria, altra grande favorita, che fin da subito con la doppia vittoria nel Pool continuo di Albin e Jasmin Ouschan ha conquistato un doppio oro che gli ha permesso di salire in testa al medagliere. Spagna e Svezia chiudono un ottimo Europeo con 4 medaglie all’attivo fermandosi a ridosso della squadra austriaca. Un buon Europeo infine anche per Russia, Germania e Polonia che portano a casa, insieme alla Finlandia, il maggior numero di medaglie in senso assoluto confermandosi tra i big team del panorama del Pool Europeo.