Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

header pockets

Pockets

CAMPIONATI ITALIANI POOL : dieci titoli assegnati a Castel Volturno

images/medium/CRISTINA_MOSCETTI_.jpeg

A Castel Volturno si chiude la stagione 2019-2021 del pool con le finali che hanno visto la partecipazione di ben 200 atleti e l’assegnazione di 10 titoli di categoria (Nazionali, Serie A, Serie B, Serie C, Master Femminile, Femminile, Juniores, Pupils, Paralimpico, Team).
Grande l’attenzione non solo sui “soliti noti” delle categorie dei top players nazionali, ma soprattutto sulla categoria del paralimpico che ha visto per la prima volta anche nel pool l’assegnazione del titolo di categoria dove ha preso parte un buon numero di atleti in carrozzina che, da due anni a questa parte, partecipano attivamente all’attività federale a loro dedicata.

Andrea Sansò si aggiudica il primo titolo di Campione Italiano Assoluto Paralimpico grazie alla vittoria nella specialità del Palla 9 ai danni Stefano di Blasio. Nel Palla 8 è invece Pietro Miele ad aggiudicarsi questa “prima volta”, battendo in finale il Campione Andrea Sansò.

Nella categoria Juniores vince il titolo di Campione italiano Assoluto Gianluca Aquino che porta a casa il titolo di specialità nel Palla 9 battendo in finale Luca Montanari. Nel Palla 8 arriva la rivincita di Montanari che si laurea Campione di specialità proprio ai danni di Gianluca Aquino.

Nella categoria dei giovanissimi Pupilis è il quindicenne Davide Sini, protagonista anche nel panorama internazionale del pool, a dominare la scena: la vittoria nel Palla 9 contro Alexandru Ghetau e il secondo posto nel Palla 8 gli hanno permesso di conquistare il titolo di Campione Assoluto. A Tiziano Russo, va il titolo di specialità nel Palla 8.

Fabio Petroni si aggiudica invece il titolo di campione italiano assoluto. Una stagione da incorniciare per il romano classe ’72 che ha concesso poco ai suoi avversari, chiudendo al secondo posto della classifica IPT. A Castel Volturno Petroni non ha deluso le aspettative, ha conquistato la vittoria del Palla 10 ai danni di Marcello Valoroso e sfiorato l’accesso alle fasi finali del Palla 9 e del Pool continuo.  Sorprese anche nel Palla 8 e Palla 9 Nazionali: il favorito Daniele Corrieri (campione italiano pool 8/15), in entrambe le finali, cede rispettivamente il passo prima a Francesco Candela e poi, dopo una gara caratterizzata da una rimonta punto dopo punto ed emozioni da cardiopalma fino alla bella, a Pierfrancesco Garzia che si aggiudica il titolo di campione di categoria. Il titolo del pool continuo è invece di Gianmarco Tonini.

Per quanto riguarda la categoria Master Femminile sono state Cristina Moscetti e Silvia Guadino le protagoniste indiscusse delle finali. Cristina Moscetti ancora una volta ha fatto suo il titolo di Campionessa italiana Assoluta e di tutti i titoli di specialità conquistati con la stessa avversaria Silvia Gaudino.


La Serie A ha proclamato Campione italiano Assoluto il ventottenne Antonino Pandolfo, che è riuscito a conquistare il gradino più alto del podio nella specialità del Palla 9 ai danni di Alessio Caprio e a sfiorare l’accesso alla finale nelle specialità del Palla 10 e Palla 8 vinte rispettivamente da Angelo Salzano e Livio Antonazzo.

Nella Serie B si impone su tutti il diciasettenne Luca Montanari, promessa del biliardo italiano che conquista il titolo di Campione italiano Assoluto di categoria grazie alla splendida vittoria ottenuta nel Palla 10 ai danni di Giuseppe Alonzo e ai due secondi posti sia nel Palla 9 che nel Palla 8. Nel 2019 Montanari a soli quindici anni era entrato di diritto nell’olimpo degli atleti che contano conquistando il titolo Assoluto di serie C.  Nel Palla 8 della serie B conquista il titolo di Campione italiano di specialità Giuseppe Alonso mentre nel Palla 9 invece è Luca De Carolis a salire sul gradino più alto del podio.

Protagonista indiscusso delle finali di serie C è stato è stato il giovane classe 2000 Alessio Durante che ha conquistato il titolo di specialità Palla 9 ai danni di Alexandre Tzarev. Il titolo di Campione italiano di specialità Palla 8, invece, è andato a Luca Mezzoprete classe ’98. 

Nella categoria Femminile è Marina Raiola a conquistare il titolo di Campionessa italiana Assoluta, grazie alle vittorie nella specialità del Palla 8 e del Palla 9 contro l’altleta Keiko Yamamoto.

Il 147 Billiard Academy capitanato da papà Riccardo Sini e composto dal piccolo Davide Sini, da Andrea Grosso, da Alberto Martini e Alessio Durante si riconferma per il secondo anno consecutivo Campione assoluto a squadre imponendosi sul Zuchouse A.

“Un finale di stagione degno della parola sport – dichiara il Presidente FIBIS Andrea Mancinodove le giornate di gare sono state scandite non solo da performance sportive ed assegnazione di titoli, ma anche e soprattutto dalle emozioni che gli stessi protagonisti hanno saputo regalarci. L’inclusione degli atleti paralimpici e il loro fairplay, l’agonismo delle categorie dei giovanissimi Pupils e Juniores, sono la sintesi di queste finali che – prosegue Mancino – hanno così completato un quadro sportivo del pool nazionale che può già pensare in grande alla prossima stagione. Ringrazio Michele Monaco, fautore della macchina organizzativa nonché responsabile della sezione pool e di quella paralimpica; Merry Fontes Da Silva, membro paritetico sezione pool per la perfetta organizzazione e il gran lavoro che ogni volta riesce, magari più da dietro le quinte, a far sì che tutti gli atleti siano messi nelle migliori condizioni di gareggiare; ed infine ringrazio Roberto Dell’Aquila, senza il quale oggi non esisterebbe un settore di biliardo paralimpico, per il gran lavoro svolto da due anni a questa parte che, motivato da sincera passione e voglia di fare assieme a Luca Bucchi, con il solo obiettivo di portare più ragazzi possibile con disabilità a praticare il biliardo è riuscito a creare un movimento in tutta Italia e oltre, una persona a cui diciamo un sentito grazie per tutto”.