Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

header carambola

Carambola

Conclusa la seconda prova della World Cup a Luxor

images/media/media/news/1051/master.jpg

Il belga Eddy Merckx si aggiudica il torneo. Zanetti resta settimo nella generale

Il belga Eddy Merckx vince un torneo caratterizzato da risultati tecnici al di sotto delle attese e soprattutto dalla immediata uscita, nei sedicesimi, dei più forti giocatori: al primo turno di gara è subito eliminato Blomdahl; tocca a Marco Zanetti subito dopo, ad opera del turco Alp, 114° nel ranking UMB,  ma capace di approfittare della scarsa vena del nostro campione che non riesce ad andare oltre 1.100 di media. Stessa sorte per Dick Jaspers e infine anche per il numero 2 del ranking, Dany Sanchez.  Passa invece Caudron, opposto nei sedicesimi al suo amico connazionale Leppens; una strana partita tra i due, con molta difesa e un risultato,40-38 in 29 riprese che non lasciava presagire niente di buono. Ed infatti Caudron  esce dalla gara nel turno seguente per opera del coreano Kang; la partita è molto bella, forse la più emozionante del torneo; Caudron si trova a metà gara fortemente distaccato ma recupera terreno ed esegue dei colpi magistrali,come solo lui sa fare; non ce la fa però a recuperare completamente e perde per soli due punti con una media di 2.055.

Le medie, come già sottolineato, sono inferiori ai soliti standard a cui siamo ormai abituati; i tavoli sembravano chiudere leggermente e sulla terza sponda  l’effetto non sempre si manteneva; ma naturalmente dare la colpa solo al materiale di gioco è quasi sempre riduttivo, si notava un certo nervosismo tra i giocatori, anche nella finale tra Merckx e Bury. La migliore media generale l’ottiene Merckx con 1.801, la migliore partita invece è del  greco Polychronopoulos, 2.857 e la serie massima al turco Alp con 17.

Un episodio particolare è avvenuto nelle fasi di pre-qualifiche: il greco Kasidokostas, dopo due vittorie contro due giocatori turchi, ha dato forfait per motivi fisici. E’ stato assente da quasi due anni per un problema alla mano destra che trema vistosamente durante la preparazione del tiro; tale handicap non gli aveva impedito in passato di accedere nella lista dei top players e nel 2009 aveva conquistato  il titolo mondiale a Losanna, in finale con Merckx. Kasidokostas ha dichiarato che il braccio destro gli faceva molto male e ha dovuto giocare la parte finale dell’ultima partita con la sinistra e portare a termine l’incontro anche se immediatamente dopo ha comunicato il suo abbandono.

Il percorso di Eddy Merckx è stato abbastanza tranquillo; la prima partita con il vietnamita Do Nguyen la chiude con 2.105 e serie di 12; lo impegna molto di più H.J. Kim(40-36 in 25); prosegue con la vittoria su Alp (1.666) e con Cho (2.000). La finale è molto tesa e Bury tenta un recupero a cavallo della pausa di metà partita ; ma Merckx torna dopo il break con una grinta diversa  e non lascia più spazio al francese; 40-30 in 23 riprese per il fuoriclasse belga che, ricordiamo, ha il record mondiale per la miglior partita ai 50 punti: 50 in sole 6 riprese, 8,333!

La vittoria a Luxor consente a Merckx di scalare la vetta della classifica, adesso è secondo a soli 17 punti da Blomdahl; Zanetti conserva il suo settimo posto, tallonato, con pochi punti di distacco, da Cho J.H. , Forthomme , Sidhom e Kang.

L’ultima vittoria in World Cup per Merckx risaliva all’ottobre del 2014, in Corea , mentre  nel 2015 non era mai riuscito ad arrivare ad una finale. Per il francese Bury , mai vincitore nelle prove del circuito, il migliore piazzamento è stato il secondo posto nel Febbraio 2013 in Turchia, dove si era arreso a Blomdahl, 40-29 in 22 colpi.

A metà maggio il prossimo impegno di Coppa, stavolta in Vietnam, con tanta voglia di rivincita da parte dei migliori giocatori.