Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo
×

Attenzione

JFolder: :folder: Il percorso non è una cartella. Percorso: /var/www/html/fibis/images/media/media/comitati/federazione/fotogallery/107

Finali regionali Giochi Sportivi Studenteschi - Piemonte

images/media/media/news/430/master.jpg
Federazione

15 aprile 2014 - Istituto Sociale - Torino

La premiazione del primo classificato


In Piemonte grande successo per le finali regionali dei Giochi Sportivi Studenteschi.

Lo sport veicolo di sani valori ed educatore al rispetto delle regole.

La scorsa settimana si sono disputate a Torino, presso l’Istituto Sociale di corso Siracusa, le finali regionali GSS (Giochi Sportivi Studenteschi) al gioco del Biliardo a 5 birilli, curato dal Consigliere regionale nonché istruttore Federale Mauro Lanza coadiuvato dall'istruttore Scolastico Prof. di scienze motorie Giancarlo Duranti e la partecipazione del Master moncalierese Paolo Spadaro, atleta in forza al Centro Sportivo Il Birillo Uno.

L’evento, che sta portando lo sport del biliardo nelle scuole secondo un progetto che vuole il connubio fra CONI e Ministero della Pubblica Istruzione, ha riscosso un positivo riscontro fra gli allievi, gli insegnanti, a loro volta protagonisti, e la Direzione che ha partecipato all’iniziativa con attenzione particolare da parte della Direttrice Professoressa Maria Cristina Bianco e del Rettore Padre Vitangelo Denora. Quest’ultimo, prima della “finalissima”, ha voluto  sottolineare quanto sia stato importante ospitare questo percorso di formazione dei ragazzi dichiarando che “l’Istituto sta facendo un grande sforzo per valorizzare lo sport perché aiuta i ragazzi a crescere meglio e a far si che i valori non rimangano nella mente ma vengano vissuti; in questo senso, lo sport insegna come possa essere un grande contributo con valori sani per un futuro altrettanto sano dei nostri giovani e del nostro paese”. Il Rettore ha altresì insistito su quest’ultima considerazione sottolineando come lo sport racchiuda in sè una sorta di sfida tra formazione scolastica-sportiva e persone adulte che tengono ancora ai sani valori dell’individuo, ciò che dovrebbe sempre essere al centro dell’attenzione.

Raffaele Di Gennaro, Presidente provinciale FIBiS Torino, aveva introdotto l’intervento di Padre Denora dopo aver voluto ricordare quanto la Federazione sia orgogliosa e grata all’Istituto che si è impegnato in questa iniziativa. A riconoscenza di ciò la Federazione Italiana Biliardo Sportivo ha convocato il Direttore di Gara Nazionale Rosolino Iacò, l'Arbitro Nazionale Pierluigi Tronci e il consigliere federale Roberto Badella, per dare una veste ufficiale alla conclusione dell’iter di apprendimento. Una scelta che vuole testimoniare come il rispetto delle regole sia peculiarità dello sport del biliardo come d’altronde di tutte le altre discipline: “Avere perciò – ha aggiunto Di Gennaro -  due Giudici di Gara alla massima espressione ha voluto essere un segnale di attenzione verso i ragazzi che hanno così proficuamente frequentato il corso attingendo un bagaglio tecnico formativo che sicuramente sarà utile nel prosieguo sportivo ma soprattutto nella vita”.

Il momento clou è sicuramente però stato il match tra gli atleti Luca Lanza e Lorenzo La Macchia che hanno “incrociato le stecche” nella disciplina 5 birilli sulla lunghezza dei 60 punti. Una partita ben giocata da entrambi gli atleti e che ha concluso in maniera ottimale la bella parentesi di sport e aggregazione che nell’ambito scolastico ha trovato sicuramente il miglior contesto espressivo. L’ordine d’arrivo premia Luca Lanza davanti a Lorenzo La Macchia, Federico Amato, Alessandro Boggio, Ludovico Grillo, Johnatan Frincu, Alberto Denaro e Orlando Bertolo: questo il verdetto del campo, ma in verità hanno vinto tutti, atleti in primis ma anche istruttori, insegnanti e dirigenti scolastici e sportivi.

All’Istituto Sociale di Torino si sono rafforzate le basi per un consolidamento della collaborazione fra la Scuola ed il Biliardo visto oggi sempre di più come materia didattica per le sue qualità che uniscono il calcolo alla riflessione, la scelta alla determinazione e la mente al braccio, prolungamento quest’ultimo della stecca che segue tuttavia il preciso impulso scaturito dall’equilibrio psicofisico raggiunto.

Il filmato della finale



Alcune immagini della manifestazione