Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo
×

Attenzione

JFolder: :folder: Il percorso non è una cartella. Percorso: /var/www/html/fibis/images/media/media/comitati/carambola/fotogallery/152

header carambola

Carambola

Coppa del Mondo: a Hurghada Marco Zanetti tinge d'azzurro il Mar Rosso

images/media/media/news/623/master.jpg

Il bolzanino conquista la tappa egiziana che ha visto coinvolti 149 giocatori provenienti da 21 nazioni


Vittoria in coppa del mondo per Marco Zanetti che chiude l’anno con una vittoria cercata e voluta sino in fondo.
Dopo la delusione ai Mondiali in Corea, “the Italian Maestro” come lo chiamano oltre i confini nazionali, si è preso una piccola rivincita battendo nella giornata finale ben due coreani e dimostrando a tutti la stoffa del campione cucina con classe e carattere, suoi tratti distintivi.
L’ultima vittoria di Zanetti in coppa del mondo risale a ben 15 anni or sono quando a  Berlino sconfisse Martin Horn (la prima vittoria invece risale al 1990 a Palma de Mallorca).
Da cardiopalma la semifinale contro Hyung Bum Hwang (40-39). “Eravamo sul 38-32 – spiega Zanetti – Ha avuto 3 o 4 possibilità per vincere ma non è riuscito a chiudere, non ha trovato il ritmo”.
Tutt’altra questione per l’altro match  dove il bolzanino si è dovuto confrontare con il coreano Dong Koong Kang, arrivato in finale dopo aver battuto Javier Palazon.
Ma, a detta di tutti, Zanetti era l’unico che avrebbe potuto sconfiggere l’armata coreana, visto l’iter dei match che lo hanno poi condotto alla vittoria finale: sconfitto il greco Papakonstantinou (40-33), sconfitto il belga Roland Forthomme (40-30), sconfitto il turco Tayfun Tasdemir, una delle stelle del Torneo (40-29).
“Sono contento di poter aggiungere un’altra vittoria al mio palmares – dichiara l’azzurro – ormai ho superato la cinquantina e non ci sarà ancora così tanto tempo per altre vittorie”. Non per niente l’autorevole Kozoom.com ha definito Marco “An old soldier between the upcoming talents”, un vecchio soldato tra i talenti di domani. Intanto però lui risale la classifica nel ranking dove infatti, qualcosa è cambiato dopo la tappa di Hurghada, dove Marco Zanetti si posiziona al quinto posto dietro al leader, Frédéric Caudron, Sung-Won Choi , Eddy Merckx e a Torbjörn Blomdahl.

Ma dal 1 gennaio 2015 il ranking subirà ulteriori modifiche a seguito del nuovo regolamento UMB che prevede il totale dei punti accumulati in sei tornei della coppa del mondo al posto di otto (sono state eliminate infatti le tappe del Peloponneso e di Medellin). A questo punto quindi, da gennaio, il nuovo leader sarà Eddy Merckx, davanti a Sung-Won Choi, Frédéric Caudron, Torbjörn Blomdahl e Marco Zanetti che resta in quinta posizione.
La Coppa del Mondo tornerà nella terra dei Faraoni, a Luxor, a marzo, ma prima ad Antwerp sarà in scena la World Super Cup, l’evento che vedrà il campione del mondo Sung-Won Choi sfidare l’attuale leader del circuito di Coppa del Mondo Frédéric Caudron.