Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

header pockets

Pockets

Ambrosian Snooker: rientro dall'Austria con soddisfazione

images/media/media/news/478/master.jpg

L'inglese Christopher Keogan si aggiudica il Patrick Royal Classic 2014

Grande soddisfazione dell’Ambrosian Snooker rientrato da Rankweil (Austria) dove, quale primo club italiano, ha partecipato al prestigioso Patrick Royal Classic.

Massiccia la presenza tricolore che, oltre agli “Ambrosian” Alessandro Bacchetta, Michele Battaglia, Francesco Bertaiola, Davide Coltro, Tiziano Guerra, Gianluca Manoli, Adamo Uboldi, ha visto tenere alto i colori azzurri anche da Gunther Kalser, Stefano Marton, Gianmarco Tonini, Angelo Rizzo, iscritti individualmente al torneo.

Gli Italiani ce la mettono tutta anche se già i sedicesimi di finale risultano insidiosi causa la presenza di alcuni già noti del circuito che non si fanno certo pestare i piedi come un Franz Stähli, Presidente della Federazione Svizzera di snooker dal 139 di personal break, o un Mario He che chiude al quarto posto finale alle spalle di Kesseler.

Tra gli italiani Coltro (nella foto tenuto sotto osservazione da Ursenbacher in polo bianca), fermato dal favorito del torneo, il giovane svizzero Alexander Ursenbacher, registra i più alti break azzurri, due da 27 e uno da 23.

Il passaggio agli ottavi di finale parla italiano solo con Tiziano Guerra che, nello scontro diretto con Davide Coltro, si impone due a uno. Dopo aver facilmente superato lo step successivo contro un avversario che accusa il caldo soffocante in sala, Guerra, seppur fermato con un secco 3-0 da quello che sarà poi il vincitore del Patrick 2014, Christopher Keogan, ha la soddisfazione di piazzarsi tra i primi otto del torneo.

Il “Kaiser” di Rankweil è dunque Keogan, maestro di esperienza sul giovane Ursenbacher, in un match giocato fino all’ultimo e che chiude l’edizione 2014 con 3-2 per l’inglese.