Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

header pockets

Pockets

Grande successo per il PJ Nolan Coaching Camp

images/medium/WhatsApp_Image_2020-01-14_at_14.20.22.jpeg

Grande successo per il PJ Nolan Coaching Camp andato in scena presso l'Ambrosian Snooker Academy di Trezzano sul Naviglio.

Cinque giornate dedicate a tutti gli aspetti del gioco del biliardo: l’approccio, la posizione, la presa, l’azione di sicurezza e nuove tecniche.

PJ Nolan, uno dei più importanti allenatori di snooker, ha dichiarato che l’obiettivo del camp è stato quello di sviluppare un programma di allenamento per aumentare la conoscenza dello snooker in Italia.  A tutti i partecipanti è stato mostrato come pianificare una sessione e come registrare l’allenamento stesso in modo da monitorare il miglioramento fase dopo fase.

Al camp hanno partecipato anche allievi appartenenti ad altre specialità biliardistiche come i 5 birilli, uno fra tutti Thomas Primon che ci ha spiegato come questo stage abbia contribuito alla sua formazione come istruttore: “PJ Nolan ha superato di gran lunga le mie aspettative – ha dichiarato l’istruttore federale – ci ha insegnato le basi tecniche importanti come l’approccio del corpo in funzione di una steccata rettilinea, la posizione dei piedi e la cura dei dettagli che ci permetteranno di essere il più precisi possibile. L’atleta di snooker segue dei canoni di impostazione fisica molto precisi, sarebbe importante insegnare questi accorgimenti agli atleti di 5 birilli che tendono a seguire di più la propria sensibilità. Nolan ha suscitato interesse in tutti i partecipanti - ha concluso Primon - che al termine dei cinque giorni hanno dichiarato di essere molto soddisfatti dell'allenamento tecnico e mentale raggiunto durante il camp. Io stesso ho iniziato a sperimentare e presto trasmetterò queste conoscenze ai miei allievi”