Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

header carambola

Carambola

Mondiali: a Seoul si gioca il tutto per tutto

images/media/media/news/607/master.jpg

Dal 26 al 30 novembre occhi puntati sulla Corea del Sud

È iniziato ieri a Seoul il 67° campionato del mondo di carambola.
48 i giocatori provenienti da ogni angolo della terra che hanno iniziato la sfida nel tempio che fu della ginnastica artistica durante le Olimpiadi di Seoul 1988, lo Jasmil Stadium.
Oltre ai top europei capitanati dal campione in carica Frédéric Caudron e tra i quali spicca anche il nostro Marco Zanetti, da tenere d’occhio i sette coreani (quattro dei quali sono tra i primi dodici al mondo) che cercheranno di compiere una “mission (im)possible”: portare il titolo mondiale di carambola per la prima volta in Corea del Sud.
La lotta sarà serrata, non saranno ammessi errori.
“Il mio obiettivo è giocare bene – dichiarava Zanetti alla vigilia dei campionati – dieci dei dodici top players possono vincere. La vittoria a Losanna mi ha dato fiducia e forza per fare bene a Seoul”.
Zanetti è nel gruppo G con il vietnamita Nguyen Quoc Nguyen e il danese Tonny Carlsen. Subito la prima giornata ha visto un colpo di scena con il vietnamita, tra i favoriti, che ha perso il primo incontro contro Carlsen, perdendo poi anche con l’unico azzurro in gara (vincitore 40-32)
Zanetti ora si giocherà la qualificazione contro il danese.
Stay tuned!