Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

header carambola

Carambola

Campionati del mondo carambola tre sponde

2/6 ottobre - Cairo (Egitto)

Tra pochi giorni al via il mondiale di carambola tre sponde in Egitto al Cairo. (2/6 ottobre 2018)

TRAN Quyet Chien (VN), MA Minh Cam (VN), D'AGATA Alessio (IT) …
Non è un girone facile per l'esordiente Alessio D'Agata. Poteva capitare meglio ma così ha voluto la sorte. Zanetti ha nel girone ABDALLAH Ahmed (EG) e CHRISTOFOROU Christakis (CY) e sicuramente le prospettive sono migliori.

La presenza dei giocatori italiani al Campionato del mondo inizia nel 1986, a Las Vegas (USA): Zanetti ha appena 24 anni e conquista il 4° posto (14 partecipanti) con 1,062 di media (lo spagnolo Rico vince a sorpresa quel mondiale. Blomdahl è 2° e Ceulemans 3°). Nel 1995 e 1996 è Oddo che rappresenta l'Italia, si gioca ai set di 15 punti e i partecipanti sono 32. Oddo arriva ultimo nel 95 e 29° l'anno successivo; le medie sono di poco superiori allo 0,600. Nel 2002 Marco Zanetti vince il suo primo titolo mondiale a Randers(DK), 2° Dion e 3° Jaspers.

Dal 2003, per tre anni consecutivi, a Zanetti si affianca Salvo Papa: i partecipanti adesso sono 48 e Papa arriva 34°, 48° e 43° le sue medie sono però molto soddisfacenti (0,969, 0,830 e 0,878). Nel 2006 Zanetti è 6° e il secondo italiano, Antonio Oddo, 39° con un bel 0,916. L'anno seguente in Ecuador Marco arriva 33°: è il suo peggiore mondiale di sempre ed anche la media è sotto l'uno (0,956); niente paura però, nel 2008, undici mesi dopo a St. Wendel (DE), Zanetti vince il suo 2° mondiale superando per 3 set a 2 Blomdahl; Papa è presente anche lui e realizza la sua migliore media, 1,024, vincendo una partita con De Bruijn (3-2) ed arrivando 31° in classifica generale. L'anno seguente ritorna ancora Papa insieme a Zanetti e si piazza 31° (sempre su 48) con 0,873, Zanetti è 4°. Gli ultimi anni non sono stati più fortunati per i nostri colori: Zanetti sfiora il terzo titolo a Lima, perdendo di un soffio la finale con Jaspers e poi continua con piazzamenti sempre molto interessanti per finire l'anno scorso in Bolivia 3°. Nel 2012 Mancini arriva 43°(0,873), Bitetti nel 2013 è 48° con 0,553 e Sciacca l'anno scorso è anch'egli ultimo con 0,466.

La partecipazione al mondiale è un evento unico, molto più prestigioso di una prova di Coppa del Mondo e pertanto nessuna meraviglia per i piazzamenti dei nostri atleti, Zanetti a parte, che non riescono mai a superare i gironi eliminatori che, ricordiamo, adesso sono composti da tre giocatori. Se poi aggiungiamo le note difficoltà del materiale nuovo, il fuso orario per le prove extra-europee e le componenti psicologiche, ecco che si spiegano i risultati non proprio entusiasmanti.

Credo che Alessio D'Agata sia il più giovane dei 48 partecipanti al mondiale del Cairo e forse di tutti i mondiali disputati finora.

Siamo sicuri che farà una bellissima figura, insieme al suo maestro Marco Zanetti.
In allegato le partecipazioni dei giocatori italiani nei campionati del mondo.

Di Roberto Garofalo

INFO >      

Players List >

Groups > 

Time Table >

 

pdf I campioni italiani nel mondo (411 KB)