Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

Comunicazione informativa inerente la sentenza integrale emessa dal Tribunale Federale

Si riporta di seguito la sentenza integrale emessa dal Tribunale Federale e relativa alla impugnazione delle delibere presidenziali assunte alla fine del mese di luglio 2018 per garantire il corretto inizio dell’attività sportiva della sezione stecca.
La sentenza sulla base dello Statuto, ribadisce che le ragioni di urgenza devono essere valutate dal Consiglio Federale.
Al fine di fornire adeguate informazioni a tutti i tesserati si precisa che lo Statuto Federale, conforme ai principi informatori del Coni e sottoposto all’approvazione dello stesso, definisce in modo preciso i compiti di tutti gli Organi federali, ripartendo in modo analitico le diverse competenze e responsabilità e assicurando la massima democraticità della Federazione.
Tali regole, poste a garanzia del corretto svolgimento delle attività federali, devono essere rispettate da ogni tesserato e affiliato alla F.I.Bi.S., ed in primis dal Presidente Federale.
I compiti e i poteri assegnati al Presidente Federale, sono sottoposti al controllo del Consiglio Federale e, per quanto attiene gli aspetti amministrativi e contabili, a quello del Collegio dei Revisori.
Così come disposto dallo Statuto e dal Regolamento di Giustizia della Federazione le delibere assunte dal Presidente, sono sottoposte alla ratifica del Consiglio Federale, unico organo deputato a valutare le ragioni di urgenza (art. 30, lett. g).
L’operato di tutti gli organi federali, a sua volta, è soggetto, in caso di ricorso, al vaglio degli Organi di Giustizia.
I poteri del Presidente, dunque, non sono illimitati neanche quando è appoggiato dalla maggioranza dei Consiglieri, in quanto sia il Presidente che i Consiglieri sono tenuti, come tutti, al rispetto delle leggi Federali.
Gli organi di giustizia possono e devono intervenire qualora venga denunciata o qualora venga ravvisata dagli stessi una violazione di legge, sempre nel rispetto delle competenze stabilite dalle norme che regolano il funzionamento democratico della Federazione.
La sentenza emessa dal Tribunale Federale, a seguito del ricorso presentato da alcuni tesserati, ribadisce evidentemente la conformità delle delibere oggetto di contestazione a quanto stabilito dalle regole federali, in quanto specifica che l’unico organo deputato a valutare le ragioni di urgenza è il Consiglio Federale, il quale, il 30 agosto ha verificato la presenza delle stesse ed ha ratificato le delibere presidenziali assunte a fine luglio e finalizzate unicamente a garantire il regolare inizio dell’attività sportiva della sezione Stecca.
L’intero corredo documentale, (le delibere presidenziali contestate, i verbali del consiglio federale, la sentenza del Tribunale Federale, nonché lo Statuto Federale) , è reso disponibile per la consultazione a tutti i tesserati che volessero verificare e valutare, sulla base di informazioni complete, l’infondatezza delle contestazioni in oggetto, ciò anche al fine di evitare la pubblicazione e circolazione di affermazioni gravi e lesive dell’immagine della nostra Federazione.

pdf Delibera ricorso proc 1 2018 (512 KB)