Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

Certificato Medico: Ulteriori chiarimenti

In merito alle richieste di chiarimenti pervenute nelle ultime settimane si precisa che le Federazioni Sportive Nazionali e le Discipline Sportive Associate, tra le quali rientra la F.I.Bi.S., in base alle disposizioni legislative vigenti, sono obbligate a richiedere il certificato medico sportivo agli atleti delle categorie agonistiche che intendano tesserarsi, al fine di attestarne l’idoneità alla pratica sportiva agonistica.

Tale adempimento risponde alla necessità di garantire che ogni atleta, in funzione della disciplina sportiva scelta, possa praticarla nelle condizioni di massima sicurezza e tutela della salute.

Il certificato richiesto si differenzia in base allo sforzo psico-fisico necessario per lo svolgimento dell’attività e, in alcuni casi, la visita medico-sportiva ha consentito di evidenziare patologie non conosciute dagli atleti consentendo loro di poter evitare conseguenze gravi.  

Per lo sport del biliardo la normativa richiede un certificato di tipo A1 ed ha validità biennale.

Il certificato può essere rilasciato dalle strutture sanitarie locali o dai centri di medicina sportiva e il costo è variabile per ciascuna regione.

Per l’anno sportivo 2019/2020 la F.I.Bi.S. ha identificato come agonisti gli atleti appartenenti alle categorie superiori alla seconda e tutti gli atleti che, a prescindere dalla categoria di appartenenza, partecipino alle finali dei campionati italiani e alle selezioni delle principali manifestazioni internazionali.

Il certificato dovrà essere consegnato al Centro Sportivo Biliardo (CSB) di appartenenza che all’atto della richiesta di tesseramento o, in caso di partecipazione alle manifestazioni sportive sopra indicate, dovrà attestarne il possesso da parte dell’atleta.

La F.I.Bi.S. al fine di evitare abusi e trasgressioni di tale obbligo, a tutela della salute degli atleti, provvederà, tramite i comitati regionali e la segreteria federale, ad effettuare controlli a campione, presso i centri sportivi affiliati.

Considerata l’importanza che riveste la visita medica ai fini del rilascio del tesseramento e della partecipazione alle competizioni federali si evidenzia che ogni violazione dovrà essere segnalata agli organi di giustizia sportiva per i provvedimenti del caso.