Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

FIBiS riconosciuta a tutti gli effetti dal Comitato Italiano Paralimpico

La Giunta Nazionale del Comitato Italiano Paralimpico ha accolto la domanda della Federazione e all'unanimità ha deliberato il riconoscimento della Federazione Italiana Biliardo Sportivo quale disciplina sportiva paralimpica.

"Grazie al riconoscimento della Giunta nazionale del CIP - dichiara il Presidente del CIP Luca Pancalli -  la FIBIS entra a far parte ufficialmente della famiglia paralimpica in qualità di Disciplina Sportiva Associata. Un fatto che ci riempie di orgoglio e che giunge dopo un lungo periodo di confronto e di lavoro comune. Il riconoscimento è frutto dell'attività promossa dalla Federazione per la valorizzazione del biliardo in carrozzina, una disciplina sportiva in grande crescita e dalle grandi potenzialità ludico-sportive. Si arricchisce e si struttura ulteriormente, dunque, l'offerta sportiva rivolta alle persone con disabilità. Un altro passo in avanti nella promozione dello sport come strumento di inclusione, benessere e socialità".  

Un ulteriore tassello nella storia del biliardo sportivo e della Federazione che testimonia la crescita e lo sviluppo di questo sport dopo la firma del protocollo d'intesa con il Comitato Italiano Paralimpico, con il quale il mondo della disabilità entrava a pieno titolo nell'attività sportiva della federazione.
Un successo che porta il movimento del biliardo paralimpico a tagliare la linea di un primo traguardo raggiunto dopo il percorso iniziato due anni or sono grazie alla passione e alla tenacia di Luca Bucchi e Roberto Dell'Aquila con il progetto Biliardo in Carrozzina.
Un primo traguardo perchè di certo non ci si ferma qui. 

"Questo riconoscimento - dichiara il Presidente Andrea Mancino - conferma il lavoro effettuato in questi anni dai tanti dirigenti federali ma soprattutto un riconoscimento agli atleti paralimpici che fin dal primo momento hanno creduto nella possibilità che la Fibis fosse la casa di tutti coloro che amano il biliardo sportivo. Ringrazio il presidente Pancalli per la fiducia riposta nella Fibis e nella mia persona certo che con l’impegno di tutti non la tradiremo e sapremo dare un forte impulso allo sviluppo del settore paralimpico".

Il movimento si sta arricchendo sempre più di appassionati per i quali sarà ora possibile creare una struttura consona in stretta collaborazione con il CIP.
Un plauso dal Presidente Mancino a tutti gli atleti paralimpici, a Luca Bucchi, a Roberto dell'Aquila e a Michele Monaco responsabile paralimpico Fibis per il lavoro svolto fino ad ora e che da ora continueranno a fare.